Si può posare un pavimento in legno su riscaldamento a pavimento?

Si può posare un pavimento in legno su riscaldamento a pavimento?
Il riscaldamento a pavimento, conosciuto anche con il termine ‘a pannelli radianti’, è un sistema che venne ampiamente utilizzato tra gli anni ’50 e ’70 per  assicurare una distribuzione ottimale ed omogenea del calore all’interno dell’abitazione. Oggi, questa valida alternativa ai tradizionali termosifoni, torna nello scenario dell’edilizia con tutte le migliorie che ne consentono un funzionamento molto più efficiente rispetto a quegli anni, proponendo molteplici tipologie di impianto.
 
 Caratteristiche e vantaggi di un sistema di riscaldamento a pavimento
Caratteristiche e vantaggi di un sistema di riscaldamento a pavimento

I sistemi radianti sono costituiti da tubazioni realizzate in plastica che vengono disposte sotto al pavimento e fissate con appositi elementi. All’interno di esse circola l’acqua che viene riscaldata grazie all’azione di una caldaia, oppure di un impianto solare o fotovoltaico; in questo modo il calore viene emesso e distribuito in maniera uniforme dal basso verso l’alto. 

Il principio base di ogni impianto che permette al calore di essere trasmesso in tutto l’ambiente domestico, è quello dell’irraggiamento;il calore si diffonde omogeneamente da terra fino ad arrivare al soffitto, ed è proprio questa caratteristica che rende il sistema di riscaldamento a pavimento migliore rispetto a quello tradizionale, in quanto il calore non si concentra solo nelle zone più vicine alla fonte di emissione (termosifone) ma si distribuisce uniformemente in tutto l’ambiente. 

Nella foto un esempio di impianto radiante (fonte:Rossato Group)

I principali vantaggi nell’utilizzo del riscaldamento a pavimento sono:

Efficienza: i consumi si riducono notevolmente rispetto ad altri sistemi di riscaldamento
Benessere: la distribuzione delle temperature all’interno dell’ambiente è uniforme 
Versatilità: questo sistema di riscaldamento può convertirsi in sistema di raffreddamento
 

 

Riscaldamento a pavimento abbinato al parquet
Riscaldamento a pavimento abbinato al parquet

Il legno per natura è un cattivo conduttore del calore ma, diversamente a qualche decina di anni fa, oggi abbiamo a disposizione nuove tecnologie che ci permettono di gestire meglio il suo abbinamento con gli impianti di riscaldamento a pavimento rendendolo così un materiale idoneo per questo tipo di posa.

Grazie infatti alla sua resistenza termica, il legno fa si che non ci sia il contatto diretto con il calore emesso dall’impianto radiante, permettendoci così di percepire la gradevole sensazione di benessere e tepore quando camminiamo scalzi sul pavimento. Il parquet permette così la distribuzione uniforme del calore su tutta la superficie garantendo un valore di umidità relativa dell’aria più adatto alle necessità abitative. Le tipologie di posa più idonee da abbinare ai sistemi radianti sono la posa incollata e la posa flottante (o galleggiante) con l’uso di materassino o barriera al vapore idonei alla trasmissione del calore.

Nella foto un esempio di riscaldamento a pavimento (Fonte:Rossato Group)

Essendo molto sensibile alle variazioni di umidità e temperatura, è importante non dimenticare che il pavimento in legno è soggetto a variazioni dimensionali per effetto dei cambiamenti di temperatura e umidità all’interno dell’ambiente; questo accade in quanto il legno è per sua natura un materiale igroscopico, in grado cioè di assorbire e rilasciare l’umidità presente nell’ambiente che lo circonda. In virtù di questo, è fondamentale che vengano rispettate le condizioni ambientali previste per un idoneo equilibrio igrometrico legno/ambiente, ovvero un valore di umidità tra il 45%-60%, temperature di esercizio superficiali alla pavimentazione non superiori ai 29 °C e temperature ambientali vicine a 20 °C.

Il parquet prefinito con struttura a 2 o a 3 strati risulta essere più idoneo per la posa su riscaldamento a pavimento in quanto, diversamente dal parquet in legno massello, riesce a gestire e sopportare meglio lo stress termico dell’impianto.

Concludendo possiamo affermare che l’abbinamento legno-riscaldamento a pavimento è possibile tenendo conto delle caratteristiche delle varie specie legnose e mantenendo all’interno dell’abitazione le condizioni ambientali sopra indicate. Lignum Venetia offre un prodotto certificato di qualità adatto a questo tipo di posa, come testimoniano i test effettuati nei laboratori del CATAS, che vi accompagnerà per lungo tempo avvolgendovi nel suo calore e nella sua eleganza naturale.

Altri approfondimenti
Il parquet Lignum Venetia certificato LEED
Il parquet Lignum Venetia certificato LEED
Parquet a 3 strati o a 2 strati: quale fa al caso tuo?
Parquet a 3 strati o a 2 strati: quale fa al caso tuo?
Differenze tra un pavimento in legno oliato e uno verniciato
Differenze tra un pavimento in legno oliato e uno verniciato